Rimodellare i muscoli e tutelare la propria salute con i cibi proteici

In pochi sanno che una buona e corretta alimentazione può svolgere un ruolo fondamentale per modellare e scolpire i propri muscoli.

Anche molti body builder commettono questo errore. Escludendo l’utilizzo di sostanze dopanti, a cui purtroppo molti body builders fanno ricorso, essi cercano di scolpire il proprio corpo sottoponendosi ad allenamenti massacranti e ricorrendo ad integratori naturali.

Solo pochi curano l’alimentazione con la dovuta attenzioneanche se essa è, senza ombra di dubbio il fattore più importante per poter avere un corpo perfetto o molto ben proporzionato

Tra le sostanze alimentari responsabili per l’aumento della massa muscolare e l’aumento della definizione un discorso a parte meritano le proteine.

Infatti un aumento della quota proteica è assolutamente indispensabile per il proprio corpo ma tale aumento deve essere fatto con moderazione in quanto un aumento eccessivo può comportare dei problemi al fegato e ai reni

Come trovare il giusto equilibrio tra apporto proteico e potenziamento muscolare

Il primo aspetto da tenere in considerazione è che non tutte le proteine sono uguali.

Vediamo alcuni esempi di alimenti ricchi di proteine buone:

  • Carni bianche: Sono molto ricche di proteine. Coniglio. Vitello tacchino possono essere mangiare anche 2 volte a settimana. Evitare le carni rosse
  • Pesce. Non sono sono ricchi di proteine buone ma anche di omega 3 che hanno delle grandi proprietà antiossidanti e aiutano a bruciare i grassi
  • Salumi. Assolutamente da evitare. Solo la bresaola può essere presa in considerazione
  • Legumi. Sono ricchi di fibre. Assolutamente da mangiare almeno tre volte alla settimana

Il consiglio in ogni caso è quello di non esagerare. L’eccesso di proteine nella dieta quotidiana, se protratto nel tempo, può dare origine a fenomeni di intolleranze e allergie alimentari, debilitazione generale, dolori articolari, problemi renali ed eccesso di tossine che potrebbero anche rallentare i processi metabolici. Ecco perché occorre rispettare le indicazioni delle pagine precedenti in relazione alle porzioni giornaliere dei vari alimenti proteici.

L’assicurazione UniSalute

Chi è in cerca di un’assicurazione sanitaria non può non prendere in considerazione l’opportunità di fare riferimento a UniSalute, non fosse altro perché si tratta della prima assicurazione di questo tipo per numero di clienti gestiti nel nostro Paese: sono, infatti, circa 5 milioni e 300mila le persone che ne usufruiscono, spesso provenienti da aziende, casse professionali o fondi sanitari di categoria. UniSalute è una compagnia che è impegnata nella protezione della salute in maniera esclusiva, mettendo a disposizione dei propri clienti la possibilità di godere di piani sanitari personalizzati, studiati su misura ed eventualmente integrati con una gamma molto vasta di servizi.

Per conoscere più nel dettaglio UniSalute, è possibile recarsi sul sito IlTrovaNumeri.it per scoprire il numero verde da contattare, così da chiedere tutte le informazioni desiderate. Per altro, molte delle polizze individuali possono essere acquistate direttamente on line, così che tutte le procedure risultino ancora più veloci e immediate. Gli assistiti di UniSalute possono contare, in effetti, sull’accesso alle strutture sanitarie migliori, non solo in Italia ma anche – quando necessario – all’estero, in tempi rapidi: che si tratti di poliambulatori, di case di cura, di ospedali, di centri fisioterapici, di centri diagnostici, di studi di psicoterapia o di studi odontoiatrici, qualsiasi esigenza può essere soddisfatta. Anche quelle di chi ha bisogno di un operatore socio assistenziale direttamente a domicilio.

Sono migliaia le strutture che fanno parte del network. Ma il vero punto di forza di UniSalute è rappresentato dalla stabilità del Gruppo Unipol, che l’ha fondata a metà anni Novanta: anche per questo motivo oggi costituisce l’operatore leader nel settore della sanità integrativa del nostro Paese. La rete di strutture sanitarie convenzionate si chiama Net Salute, e propone centri che sono stati rigorosamente selezionati: i vantaggi che derivano dal ricorso a questo network sono numerosi, e hanno a che fare in primo luogo con il fatto che il cliente non deve fornire alcun anticipo, in quanto è UniSalute a pagare direttamente le strutture. I punti di forza sul piano pratico includono, inoltre, le consulenze specializzate che hanno lo scopo di individuare la struttura più adatta a seconda della prestazione che deve essere fornita e le prenotazioni dirette delle prestazioni, anche on line.

I clienti di UniSalute hanno la possibilità di chiedere i rimborsi, di aggiornare i propri dati o modificarli e di ricevere tutte le informazioni che desiderano a proposito delle prestazioni del Piano Sanitario sia al telefono che tramite web, sfruttando il sito www.unisalute.it, che può essere utilizzato anche per ottenere consigli sul benessere, suggerimenti sulla salute e consulenze mediche specifiche. Non solo: i clienti possono anche avere informazioni relative al proprio estratto conto, conoscendo lo stato delle richieste di rimborso, aggiornare le proprie coordinate bancarie e, ovviamente, prenotare le prestazioni nelle strutture che preferiscono tra tutte quelle che sono convenzionate.

Aspetti psicologici: omosessualità e omofobia

Il rapporto tra omosessualità e omofobia merita di essere analizzato con grande attenzione. Per prima cosa, è bene stabilire che una persona può essere definita omosessuale nel momento in cui prova attrazione erotica, desiderio e sentimenti di innamoramento nei confronti di persone del suo stesso sesso. Non esistono ipotesi ufficiali o studi scientifici che spieghino il motivo per cui una persona sia omosessuale, così come non esistono ipotesi ufficiali o studi scientifici che spieghino il motivo per cui una persona sia eterosessuale. Vale la pena, in ogni caso, di sottolineare con forza che l’omosessualità non è una patologia, ma solo una declinazione specifica della sessualità umana (e non solo umana, tra l’altro).

Nonostante ciò, fino alla prima metà degli anni Settanta l’omosessualità veniva annoverata nel Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali, volume a cui facevano riferimento psichiatri e psicologi per trovare linee guida e informazioni tramite le quali individuare la presenza di un disturbo psichiatrico o psicologico. Solo nel 1973 l’omosessualità è stata eliminata da quel manuale, grazie a un documento dell’Apa, l’Associazione Psichiatrica Americana, che tra l’altro sanciva che tale orientamento sessuale non determina un peggioramento nel valore, nell’adattamento, nelle motivazioni, nelle abilità sociali o nel giudizio di una persona.

Eppure, a dispetto di questo quadro scientifico e sociale, l’omofobia è un pregiudizio ancora molto diffuso. Pur con differenze geografiche, ogni società ha caratteri più o meno evidenti di eterosessismo e di omofobia: ciò va a incidere anche sul comportamento e sullo sviluppo soggettivo delle persone omosessuali, le quali, sin dall’adolescenza, possono andare incontro a situazioni di sofferenza emotiva o a sensazioni di diversità, che potrebbero indurle in direzione di un isolamento sociale e convincerle a nascondere il proprio orientamento.

Si parla, nello specifico, di omofobia interiorizzata per indicare l’insieme di atteggiamenti e di sentimenti, che vanno dall’ansia alla rabbia, passando per il senso di colpa, di carattere negativo che si provano nei confronti di caratteristiche omosessuali percepite nelle altre persone e in sé stessi. C’è chi ritiene che l’omofobia interiorizzata rappresenti una fase comune nella vita delle persone omosessuali, dovuta al fatto che tutti i bambini hanno a che fare con norme eterosessiste: insomma, la maggior parte degli omosessuali nel corso della propria crescita e della propria vita ha dovuto fare i conti con emozioni e atteggiamenti non positivi a riguardo dell’omosessualità.

In alcuni casi, tuttavia, dall’omofobia interiorizzata può derivare un disagio in grado di favorire la comparsa e lo sviluppo di patologie psicologiche vere e proprie. Alcune ricerche scientifiche avrebbero dimostrato che le persone omosessuali e bisessuali fanno registrare una prevalenza maggiore di disturbi psichiatrici, come attacchi di panico, depressione, ansia generalizzata e, nei casi più gravi, perfino tentativi di suicidio, rispetto alle persone eterosessuali. Molti attribuiscono tale circostanza a discriminazioni e pregiudizi della società.

Fonte: Dott.ssa Laura Vitagliano psicologa psicoterapeuta a Caserta
http://www.lauravitagliano.it

Perché rivolgersi a Bisecco Elettromedicali

Se si ha la necessità di provvedere alle verifiche degli elettromedicali in un centro sanitario, in uno studio medico o in un laboratorio, si può fare sicuro affidamento sull’esperienza e sulla professionalità della ditta Elettromedicali Bisecco, realtà nata dal desiderio di riunire e di valorizzare le competenze tecniche e pratiche di aziende leader nei rispettivi settori di mercato al fine di mettere a disposizione dei propri clienti un servizio completo e, soprattutto, certificato. Bisecco non si occupa solo della sicurezza degli elettromedicali, ma di molti altri servizi, come si può scoprire sul sito http://www.bisecco.net.

Il punto di forza dell’azienda è una perfetta organizzazione dei servizi, che si traduce in un miglioramento della qualità e in un contenimento dei costi. L’obiettivo è quello di fornire una piattaforma globale in grado di assecondare le richieste più diverse: non solo controlli ad hoc e verifiche per la manutenzione, insomma, ma anche consulenze, certificazioni tecniche e collaudi di strumenti e impianti. E, ancora, la progettazione di ambienti, con particolare riferimento agli studi oculistici e agli studi dentistici (ma nonsolo).

Cosa dice la legge

Sia per la sicurezza degli elettromedicali che per tutti gli altri servizi Elettromedicali Bisecco agisce tenendo ben presenti i riferimenti normativi. Per esempio, le prescrizioni di sicurezza relative alle apparecchiature elettromedicali sono specificate dalle norme CEI 62353-1, mentre le Linee Guida CEI 62 includono gli aspetti riguardanti la conservazione e il mantenimento degli elettromedicali che vengono impiegati nei locali adibiti a uso medico, oltre a definire le modalità per un utilizzo sicuro. Come è ovvio, le verifiche di sicurezza per gli elettromedicali sono importanti tanto per gli operatori, cioè coloro che adoperano gli strumenti, quanto per i pazienti, cioè coloro che sono sottoposti ai trattamenti messi in atto con gli strumenti stessi.

I pazienti, nello specifico, possono essere sottoposti a diversi rischi di tipo elettrico, sia nel caso di un contatto diretto che nel caso di un contatto indiretto: per esempio, microshock e macroshock, nell’eventualità in cui i pazienti siano sottoposti a cateterismo cardiaco o comunque debbano effettuare degli esami con sonde o con qualsiasi elemento invasivo, cioè che agisce vicino al cuore, internamente.

Un esempio di elettromedicale sottoposto ai controlli di Bisecco è l’elettrobisturi, che è uno strumento a cui si ricorre per svolgere molteplici funzioni nel settore della chirurgia: la coagulazione di tessuti biologici, il taglio, l’applicazione di correnti a radiofrequenza, e così via. L’elettrobisturi si basa sul riscaldamento che deriva dall’effetto Joule innescato dal passaggio delle correnti di radiofrequenza, con la temperatura che aumenta in base alla densità di potenza, ma anche in funzione del tempo di applicazione. Lo strumento è una sorgente di tensione, e in quanto tale può essere fonte di pericolo se non sottoposto a una manutenzione adeguata e se non controllato ad hoc con collaudi e test specifici.

Interventi di chirurgia plastica a Milano

Con la fine della della bella stagione, sono sempre più coloro che decidono di farsi fare un ritocchino con il bisturi per mostrare un corpo perfetto. Infatti gli interventi sono sempre meno invasivi e in pochi giorni in molti casi è possibile eseguire il tutto senza che gli altri si accorgano di iente. Negli ultimi anni, gli interventi legati alla chirurgia plastica sono aumentati notevolmente e sono stati perfezionati sempre più per soddisfare qualsiasi esigenza. Non solo più interventi di chirurgia estetica al seno, ma anche lifting, addominoplastica e liposuzione. Anche se questi interventi sono svlti ormai, anche nelle città di provincia, Le grandi città metropolitane come Roma e Milano fanno ancora la parte del leone anche per via della presenza dei migliori specialisti del settore.

Nella società attuale, le donne che desiderano ricorrere alla chirurgia estetica sono sempre più giovani: tra le adolescenti di oggi, che sempre più spesso chiedono alle proprie famiglie di finanziare interventi di chirurgia estetica al seno. I primi due elementi da valutare per la scelta del giusto chirurgo estetico a Milano sono la qualità dei prodotti utilizzati e la serietà del professionista. Nel caso di mastoplastica ad esempio, le protesi impiegate devono essere di qualità superiore sia per garantire la salute delle pazienti, sia per non pregiudicare un eventuale allattamento.

Gli interventi principali di chirurgia estetica al seno sono tre: mastoplastica additiva, riduttiva ed elevazione del seno cadente. Per ciascuno di esse vengono impiegate delle protesi in silicone di altissima qualità.

Tra gli interventi di chirurgia estetica più richiesti al momento troviamo:

Mastoplastica additiva: Il sogno di ogni donna è da sempre quello di avere un seno bello e prosperoso, ma non tutte hanno avuto questa fortuna. La chirurgia estetica in questo campo può fare molto, sia per modellare il seno che per aumentare qualche taglia. A questa operazione non ricorrono solamente le ragazzine. Anche donne in età più matura, con una professione alle spalle, avendo soldi da parte decidono di investirle su sé stesse. L’operazione, anche se viene eseguita in anestesia totale, non è affatto complicata. Vengono create delle incisioni all’altezza delle ascelle e da lì vengono inserite delle protesi in materiale siliconico. Queste protesi possono essere inserite o sopra o sotto il muscolo detto grande pettorale. Sarà il medico, prendendo in considerazioni diversi fattori, a decidere come è meglio intervenire.
Liposuzione: Le donne spesso accumulano grasso nella zona dei glutei e dei fianchi, e spesso questo inestetismo può comporare un grave disagio a livello psicologico e sociale. Perciò la liposuzione è da sempre uno degli interventi più richiesti, e tramite l’asportazione del grasso in eccesso, il chirurgo riesce a rimodellare la zona dei glutei e dei fianchi. I cuscinetti adiposi vengono asportati tramite una cannula, anche se esistono diverse tecniche. L’intervento, anche se può durare anche qualche ora (in base al caso specifico), viene eseguito in anestesia locale ed è abbastanza semplice
Addominoplastica: questa operazione è richiesta sia da uomini che da donne. Solitamente, si ricorre a questa operazione dopo un rapido dimagrimento, poiché la pelle ha oramai perso elasticità e non è più in grado di aderente ai tessuti, oppure anche dopo una gravidanza. Di solito, questo intervento viene praticato tramite anestesia epidurale.L’intervento si compone di due fasi: nella prima viene eseguita una piccola liposuzione per rimuovere il tessuto adiposo in eccesso. Nella seconda viene fatta scivolare e viene “tirata” la pelle verso il pube e richiusa su se stessa.

Come dicevamo prima, la chirurgia estetica oramai riesce a risolvere qualsiasi problema. Oltre agli interventi più invasivi, esistono tantissime altre operazioni più soft, che possono essere eseguite anche a livello ambulatoriale. L’importante è però rivolgersi sempre a professionisti seri, ovvero a medici chirurghi con la specializzazione in chirurgia estetica.

E’ importantissimo affidarsi a mani esperte in questi casi, perché si tratta pur sempre di operazioni, e se dovessero essere eseguite da personale non medico, rischiereste di ottenere risultati negativi, a volte quasi deturpanti. E’ quindi consigliabile affidarsi ad uno studio serio e con anni di esperienza alle spalle, e ricordate che spesso dietro un prezzo troppo basso si nasconde tanta inesperienza.

Anche Roma Per le eccellenze nella chirurgia plastica

In Italia siamo famosi per moltissime cose, le eccellenze ed i vanti in tutto il mondo per il nostro paese non mancano di certo. Dall’arte al cibo, dalla moda alla storia della nostra penisola: un mix perfetto di tradizioni che ci hanno messo in condizione, nel corso dei secoli, di poter competere con le maggiori potenze del mondo.

Tuttavia è molto meno noto e conosciuto che molte di queste eccellenze riguardano il “capitale umano”. Ogni anno l’Italia sforna talenti e professionisti tra le figure professionali ricercatissime e riconosciute a livello mondiale. Il settore della ricerca ne è un esempio lampante: la fuga dei cervelli italiani non è solamente causata della crisi, ma di una qualità veramente alta dei nostri giovani.

Tra le città italiane più interessate al fenomeno ricordiamo c’è sicuramente Roma

Si, Roma… che è la capitale italiana non solo in senso letterale, ma anche per quanto riguarda la storia, l’arte, il turismo, la cucina e, aspetto molto meno conosciuto, la chirurgia estetica. È nella città eterna che infatti operano i migliori professionisti del paese, professionisti che ci sono invidiati in tutto il mondo e che con la loro opera hanno creato un flusso di visite di tipo medico e chirurgico che vede tantissimi americani e europei arrivare proprio a Roma per un ritocchino.

Tra i chirurgi Estetici a Roma va segnalato senz’altro il dott. Andrea Mori, che opera anche a Milano e Firenze ed ha eseguito nel corso degli anni tantissimi interventi, tutti con un ampio grado di soddisfazione da parte dei clienti.

Il dott. Andrea Mori è socio aderente della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica (SICPRE).

Al centro benessere per piacersi e piacere

Centri Benessere

Sentirsi bene con il proprio corpo è importante quindi potrebbe essere molto interessante visitare un centro benessere. È possibile procedere con trattamenti di bellezza, massaggi, saune, bagni di fango, idromassaggio e molte altre attività che sono rivolte al benessere fisico e come conseguenza a quello mentale. Infatti prendersi cura del proprio corpo consente di migliorare l’umore oltre che l’aspetto esteriore. Esistono tantissimi centri benessere che sono in grado di fornire un’offerta variegata e per ogni tipologia di clientela. Molto spesso i centri benessere sono anche associati a stabilimenti termali per fornire un servizio il più completo possibile.

Terme

Le terme sono degli edifici che possono essere sia pubblici sia privati che vengono realizzati in prossimità di sorgenti termali e che forniscono dei servizi che somministrano idroterapie. Solitamente le acque che vengono utilizzate nelle terme sono calde e hanno origine da fenomeni vulcanici, con temperature che possono arrivare anche a 100 gradi centigradi. Essendo acque che hanno una origine molto profonda e collegata a rocce laviche sono ricche di minerali che aiutano l’organismo e migliorano alcune sue funzionalità. Le terme generalmente offrono saune, bagni turchi, bagni di vapore per eliminare le tossine.

Servizi offerti dai centri benessere

A seconda della struttura è possibile sfruttare servizi molto diversificati e che coinvolgono quindi parti diverse dell’organismo. I centri benessere sono in grado di proporre attività particolari come la manicure e la pedicure, l’epilazione, i massaggi, trattamenti specifici per il corpo ed il viso tramite oli ed essenze. A seconda poi della struttura verranno applicate sostanze differenti o verranno eseguiti massaggi particolari.

Manicure e pedicure

La manicure e la pedicure possono essere solamente estetiche oppure anche curative. Stendere lo smalto sulle unghie deve essere fatto con particolare attenzione in modo che sia uniforme e privo di difetti. Gli smalti semipermanenti consentono una durata maggiore e una resa ottimale che permette di ottenere unghie perfette per tempi più lunghi. Si può procedere con l’esfoliazione, rimuovendo le cellule cutanee morte, oltre a curare con attenzione le cuticole.

Epilazione

L’epilazione femminile è una procedura molto particolare che consente di eliminare i peli superflui ed antiestetici. Si possono effettuare epilazioni sul labbro superiore, per sfoltire ciglia e sopracciglia, sulle ascelle, sull’inguine, sulle braccia e sulle gambe. A seconda dell’area possono essere impiegate tecniche differenti. Solitamente per aree estese si utilizzano apposite cere calde che non irritano la pelle e consentono un buon risultato.

Massaggi

I massaggi rilassanti ed estetici sono molteplici e sfruttano principi e tecniche differenti. Servono per migliorare la circolazione, per ridurre il numero di tossine nell’organismo e per indurre dei benefici stati di rilassamento, allontanando lo stress. I massaggi con le pietre laviche calde con l’aggiunta di particolari oli consente la cura di alcuni disturbi, come i dolori acuti oppure per ridurre la rigidità muscolare. È possibile anche fare trattamenti per il corpo che includano essenze ed oli particolari che levigano la pelle, la rinvigoriscono e la tonificano. Esistono trattamenti particolari per il viso, per rendere la pelle più levigata, per ottenere una pulizia profonda che possa ridonare luminosità e che sia in grado di eliminare la secchezza.

Centro estetico

Per ottenere molti servizi che un centro benessere è in grado di offrire è possibile visitare la struttura Beleza e Natureza di estetica Firenze, scoprendo le offerte proposte che miglioreranno l’aspetto estetico e saranno in grado di allontanare lo stress. Il centro benessere è in grado di fornire trattamenti con prodotti naturali ed organici nel rispetto del benessere della persona e per ridurre l’impatto ambientale. La struttura integra la cultura estetica tipica del Brasile con quella tradizionale europea, per fornire trattamenti unici e particolari, potendo contare su uno staff in grado di proporre percorsi personalizzati per ogni cliente.