Come combattere l’eccesso di sebo del cuoio capelluto con lo shampoo antiforfora

Se ci mettessimo ad elencare quali sono, secondo la gente, i peggiori e i più imbarazzanti imprevisti, per così dire, corporei, che possono capitare più o meno a tutti per lo meno una volta nella vita, con grande probabilità comparirebbero in una lista del genere herpes, brufoli, irritazione cutanea, peli incarniti, sudorazione eccessiva, calvizie, eccetera.

Ma non inoltriamoci troppo in quello che potrebbe essere definito come il mondo dei più profondi terrori estetici di ogni uomo o donna, e andiamo subito a specificare di cosa tratterà l’articolo sé: il fenomeno della comparsa della forfora in un cuoio capelluto può destabilizzare soprattutto se la sua comparsa colpisce il cuoio capelluto di un individuo apparentemente sano, e in questo caso la parola sano si riferisce soltanto alla non abitudine del soggetto ad avere episodi frequenti di forfora.

Spesso dovuta a fattori legati all’età della persona, ai livelli ormonali e di stress, che coinvolgono quindi anche la sfera psicologica e psico-somatica, al sesso ed in parte anche a fattori genetici: certe fasi della vita, infatti, in particolare i periodi dell’età adolescenziale, sono caratterizzate da una produzione di sebo maggiore rispetto ad altre, oppure la forfora che tanto ci dà fastidio potrebbe essere il risultato al contrario di un momento in cui la nostra pelle soffre a causa di una secchezza eccessiva. Il sebo, infatti, non è la principale causa nella comparsa della forfora, poiché, come dimostrano recenti studi, il ricambio dell’epidermide a livello della cute è influenzato principalmente, fra gli altri fattori, da un fungo microscopico che è presente a livello della cute della maggior parte delle persone anche sane. Quando questo fungo inizia a riprodurre i suoi corpuscoli in quantità anormali, accelerando così il processo che porta agli scarti di epidermide che sono comunemente conosciuti come forfora.

Esiste, cosa che spesso non viene presa in considerazione, un rimedio che non richiede alcuna assunzione di medicinali o simili: si tratta di un trattamento localizzato che si effettua grazie ad uno shampoo antiforfora. Esistono in commercio numerosi kit di svariati tipo, contenenti prodotti di questo tipo, tra cui figurano appunto shampoo antiforfora, insieme a balsamo e maschera trattante per il cuoio capelluto.

I benefici di questo trattamento locale stanno nella capacità dei prodotti di tenere sotto controllo i livelli di sebo prodotti dalla cute, così da non andare a creare un disequilibrio nel ricambio di tessuto epidermico, che poi si traduce in forfora fastidiosa.

Lo shampoo antiforfora, così come anche il balsamo e la maschera infatti, sono arricchit da componenti sia antibiotiche che antimicotiche, ovvero che presentano proprietà che agiscono non solo sull’infiammazione ma anche sulla proliferazione di funghi.

Per chiunque cercasse uno shampoo antiforfora che riuscisse ad agire in maniera più efficace, questi prodotti rappresentano una buonissima alternativa allo shampoo antiforfora singolo, in quanto i tre si completano e vanno a potenziare l’uno il lavoro dell’altro, lavorando in sinergia per ottimizzare i risultati che otterrebbe uno shampoo antiforfora solo.

Autore dell'articolo: berna00